Pagina:Naufraghi in porto.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 151 —


Giovanna ebbe paura che la suocera la sgridasse (aveva sempre paura di questo); e si protese per raccogliere i chicchi del grano, lamentandosi

— Come sono fastidiose!

— Ah, davvero, sono tanto fastidiose, — disse zia Martina con voce dolce: — no, non allungarti così, figlia mia, ti farà male. Vengo io.

Infatti lasciò il fuso, e raccolse chicco per chicco tutto il grano sparso, mentre una gallina piluccava la lana della conocchia.

— Che tu sii spelata! — gridò la vecchia, accorgendosene: e la fece allontanare, mentre le altre galline procuravano di aiutarla nella raccolta dei chicchi.

Giovanna vagliava il grano, a capo chino, muta, assorta.

Dal portico si scorgeva lo spiazzo deserto, la casetta di zia Bachisia livida nella luce grigia vivissima del pomeriggio nuvoloso, un lembo di paese deserto, i campi gialli deserti, l’orizzonte di metallo.

Nuvole sopra nuvole gravavano sul cielo, spandendo un gran caldo e una quiete troppo intensa. Davanti al portico passò un ragazzo alto e scalzo, che conduceva due piccoli buoi neri: poi una donnina, scalza anch’essa, che guardò Giovanna con due grandi occhi chiari; poi un cane bianco e grasso, col muso per terra: niente altro interruppe il silenzio, l’afa grave e minacciosa.