Pagina:Naunia descritta viaggiatore.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Letta la iscrizione lapidaria che presso la nobile famiglia Torresani attesta la gloriosa visita dell’Imperiale Arciduca Giovanni, il quale con alto accorgimento di guerra esaminava nel 1802 i passaggi dell’arduo Tonale, debbe recarsi il viaggiatore a visitare i così detti Campineri, ove troverà una terra nerissima, e in quella, invece di ciottoli, ossa impietrite. Come e quando quelle ossa restassero colà, nessuno ancora seppe affermarlo con certezza. Vi si trovarono lapidi, monete di bronzo e d’argento ed altre anticaglie romane. Il defunto Consigliere imperial regio Agostino de Torresani, proprietario di que’ campi, scrisse una Memoria in forma di epistole, che porge intorno a ciò delle ragionevoli congetture, ed un epilogo della storia patria, dall’epoca della venuta di Druso e di Tiberio per ordine di Augusto fino alla irruzione de’ Franchi seguita nel 577, e contrassegnata dalla distruzione di molti castelli, e specialmente di quello