Pagina:Naunia descritta viaggiatore.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nosillabe, ed oltre a ciò fannosi pronunziando sincopi frequentissime. I monosillabi e le sincopi sono particolarità, come io credo, comuni ai popoli montani; e se danno indizio di rozzezza, sono anche prova non dubbia di penetrazione d’ingegno, e di franchezza e robustezza di animo. Nè si creda che le dette proprietà del naune dialetto indichino affinità colla lingua tedesca: esso non le somiglia in nulla. Ancorchè in Senale, in Provès e in Lauregno, terre situate nella Naunia a settentrione, per una strana combinazione di cui, come accennai, ben non si conosce la causa, parlisi questo idioma, corrotto però e frammischiato a parole italiane, non hanno i Nauni altro di tedesco che le voci binder bottajo; tischler, legnajuolo; schlosser, chiavajo; schnall, saliscendi; cuccier (kutscher) cocchiere; giarbar (gaerber) conciapelli; e poche voci di cibi, come crauti, canedoli e simili. È pur tedesca la voce chizner, che significa fante