Pagina:Naunia descritta viaggiatore.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

turali bellezze, ed è produttrice invidiata di rarissimi ingegni.

Se questi forestieri che della Naunia ragionano con tanti elogi, parlino solo per sentimento di gratitudine inverso la cordialità che gli accolse, o per difetto di buon gusto, questo è quello intorno a che io voglio far giudice il lettore della presente Guida, che ho scritta appunto per far conoscere un paese che poco è visitato, perchè pochi stranieri ne hanno contezza; e troppo meglio il meriterebbe che certi casolari diroccati, certi asciutti torrenti, ai quali si pellegrina ogni giorno.

Un fiume ingrossato da forse venti fiumicelli e rigagnoli; un cerchio amplissimo di monti, ricoperti in massima parte di praterie e di foreste; colli e piani e poggi e vallette senza numero, ove tutto verdeggia di belle macchie, di prati, di campi, di vigne, di gelsi; alcuni romitorii; presso a venti castelli; più di novanta