Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 a punto!


— Dite da senno? — esclamò la portinaia inorrridita.

— Dico per dire — si corresse la Veronica.

— Già, con quel becco... — fece la portinaia sempre più sospettosa — E vi par roba questa che i cristiani possano mangiare?

— Questione di gusti; certo, se domandate il mio parere, vi dico schietto che preferisco un’insalata di cetrioli. Almeno si sa cos’è.

Le due comari stettero un poco in silenzio. A farlo apposta le beccaccie esalavano in quel momento un odore così forte, così forte...

— Da che parte vengono? — esclamò a un tratto la Veronica.