Pagina:Neera - Il romanzo della fortuna.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XII.

La visita.

Cadeva l’aprile quando una domenica Giovanni disse a sua sorella: «Se vuoi, oggi ti conduco dai signori Firmiani». Nè certo poteva darle notizia più grata, poichè Chiarina arrossì di piacere, quasi nello stesso momento che impallidiva per la commozione.

Era già stata a sentir messa in quella bella chiesa di Sant’Eustorgio dai colonnati maestosi che le incutevano un rispetto pieno di venerazione; chiesa nobile e severa, ben fatta per alimentare il sentimento religioso in un’anima profonda. Ella attraversava leggermente le ampie navate, non fermandosi che alla cappella recondita e misteriosa che sta dietro l’a