Pagina:Neera - Il romanzo della fortuna.djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 312 —

nenti ad ogni modo al tipo bonario e un po’ chiacchierone del milanese autentico che va in campagna così volontieri, quando può, tra un affare e l’altro.

Essi guardavano i passeggieri, riconoscendone molti, salutando qualcuno. Il signore col Panama in testa lo aveva appunto levato all’entrare di un giovinotto dalle forme snelle e vigorose insieme, dalla fisionomia aperta, dall’occhio intelligente, dai piccoli baffi bruni. Lo seguiva a passetti corti una donnina che sembrava troppo giovane per essere sua madre, troppo vecchia per essere sua sorella ma che pure riprendeva con colori attenuati e linee smussate la fisonomia generale del giovane a cui somigliava un po’ come l’ombra assomiglia al corpo.

— Chi sono? — chiese il signore che teneva un soprabito sul braccio.

— Lui è l’antico proprietario di quel negozio della Pace che c’era a porta Ticinese.

— Antico proprietario? Ma se avrà trentasei o trentotto anni, a dir molto?

— A dir molto, certo. Ha cominciato giovanissimo ed ora è uno dei soci principali della grande Cooperativa in piazza del Duomo.