Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


lui solo si sorreggeva nella via della penitenza, che staccarsi da lui equivaleva ricadere nella colpa, che doveva scegliere fra un amore santo ed un amore profano e che Dio stesso la guidava.

La confusione e lo scoramento del preticello in seguito a tale inutile tentativo durarono parecchi giorni, tuttavia non si perdette d’animo.

Ricordò che la donna è debole, è tentatrice per sua natura e concluse di aver avuto torto rivolgendosi a lei. Al curato doveva parlare. Quello si, intelligente, conoscitore del cuore umano, pratico della vita, conscio **3