Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


è una offesa) è ancora giovane, e certe questioni sottili, delicate, non si possono sciogliere colla stessa foga colla quale S. Martino tagliò in due il mantello. La signora è una mia penitente, è donna di alti sensi, di temperamento passionale, di slanci improvvisi e fulminei; non posso in coscienza abbandonarla a sè stessa senza esporla ai più gravi pericoli; dovrebbe certamente usare maggior moderazione nella sua smania di conseguire la salvezza dell’anima; ma, caro mio, chi di noi è perfetto? Ella mi giudica con troppa indulgenza e mi onora più assai che