Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ferenza all’aurora della giovinezza, si smarrisca nelle oscure lotte della virilità e tenti qualche volta di riapparire sul tramonto della vita, già corrotto dalle tristi esperienze. È nei giovani che bisogna studiarlo, studiarlo con simpatia, con invidia quasi.

Cessate, o freddi ed impotenti scettici, dallo spargere compatimento e ironia su queste prime, indistinte, sacre manifestazioni dell’ anima. Sarebbe come un voler deridere la pianta ne’suoi bocciuoli, aspettando che si facciano pula e concime per ammirarli e per studiarli.