Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 l'amuleto


prema per spiegare una sensazione ignota. Alessio tornò a gridare: Mamma, ho sonno!

— Addio — pronunciai rapidamente levandomi in piedi.

Egli ripetè con una dolcezza penetrante:

— Non allontanatevi.

— Il bimbo ha sonno, siate ragionevole, amico mio.

Dissi amico mio, come non dicevo mai, perchè mi parve che in quel momento Egli avesse bisogno di una parola gentile.

Rispose rassegnato: Addio. Io raggiunsi la scala senza voltarmi indietro, seguendo Pietro che portava il piccino già mezzo addormentato.

Quando Alessio fu disteso nel suo lettuccio, quando l’ebbi baciato e ribaciato, tornai in anticamera a domandare a Pietro se aveva accompagnato mio cugino per fargli lume in quella sera tanto buia. Il mio domestico rispose che il signore era già partito