Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 141


poneva un altro egualmente tenace di durezza, quasi di sprezzo. Il maggior punto della sua difesa in questo senso era di non intrattenermi più de’ suoi pensieri, de’ suoi progetti, de’ suoi sogni. Se tentavo di ricondurlo su questa via, se gli chiedevo di Lui, rispondeva: “Oh! che volete mai che vi dica!„ e vi era tutto un sottinteso di allontanamento e di freddezza che mi feriva nel più profondo del cuore.

A volte la sua crudeltà mi suggeriva una fiera ribellione. Avrei voluto dirgli che se uno di noi era l’offeso, uno di noi l’ingannato, uno solo era anche in diritto di freddezza e di sprezzo e quell’uno era io. Ma appena queste parole sorgevano dall’intimo mio sdegno al varco delle labbra un gran rossore mi invadeva tutta; mi pareva che avrei sopportato qualunque cosa piuttosto che ritornare io stessa alla memoria di quella terribile sera. E ancora dicevami la voce intima della