Pagina:Neera - L'indomani.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 118 —


sia nel mio cuore; perchè sulle labbra me lo hai messo tu e ribaciandole lo risento.» Il rimanente era stracciato.

Quel brano di lettera bruciava nelle mani di Marta. Quantunque non vi fosse un dato positivo, ella sapeva già a chi era stata diretta, e i pochi o molti anni trascorsi, non modificavano l’impressione violenta ch’ella provava leggendo le parole d’amore scritte da un’altra a suo marito. Un’altra!

La stessa calligrafia minuta, ineguale, la stessa carta sottile leggermente azzurra, traversata da lineette dalle quali le parole saltellavano or sotto or sopra, quasi nervose e indomite, riappariva man mano che Marta toglieva gli oggetti dalla cassa; foglietti spiegazzati, strappati, tra le cui pieghe si annidavano gli insetti minuscoli che vivono di carta, su cui erano cadute delle macchie ignote dilatando l’inchiostro, gonfiando le parole; foglietti che avevano l’apparenza di lebbrosi, esalanti un odore stantìo di rose secche e di muffa.