Pagina:Neera - L'indomani.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 134 —


nella guancia, la mano sinistra ricadente lungo l’abito; il nome di Elvira però non c’era in nessun posto. Allora fu assalita dal dubbio che Alberto conservasse quel ritratto in qualche luogo riposto, nel suo scrigno, in un santuario gelosamente nascosto, forse sul suo cuore. Divampò. Certo, quello non era un amore dei soliti; Elvira non si poteva confondere con Giuditta; egli ancorchè più freddamente, doveva però aver amata quella fanciulla e conservato di lei una memoria indelebile.

Crucciandosi per questo sospetto, non ricordava più di essersi crucciata prima per l’impossibilità che Alberto avesse potuto corrispondere all’amore di Elvira. Maneggiava una lama a due tagli; da qualunque parte la girasse si tagliava.

Appollonia, vedendo la sua signora passeggiare smaniosamente per le stanze, le domandò se si sentisse male.

Aveva l’inferno nel cuore. Fino a qual punto si erano amati? Fino a quale? Era riuscita Elvira