Pagina:Neera - L'indomani.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 135 —


ad animare la statua? Si era data a lui con quello ardore che traspariva dalle sue lettere?

E poi? E dov’era adesso?

L’inazione dell’aspettativa le riesciva insopportabile.

Prese l’ombrellino e s’avviò per i campi, incontro a suo marito. Anche Elvira doveva aver percorso qualche volta quei sentieri, pensando a lui, confidando all’aria e al cielo i suoi sospiri appassionati; e che ne era rimasto? Dove va a finire l’amore, e perchè finisce? La fine è la morte, ma la peggior morte è quella che si sente.

Oh! l’orribile tristezza!

Smaniava di vedere Alberto, di toccarlo, di persuadersi che era suo, che non le sarebbe sfuggito mai; e voleva dirgli che lo amava, che lo amava come Elvira, più di Elvira.

Piangeva, facendo rotolare i sassi cacciati dalla punta dell’ombrellino, divorando la via.

A un tratto le si parò davanti il dottorone, tenendo tutto il sentiero con la persona alta e