Pagina:Neera - L'indomani.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 196 —


per cui il piacere rasenta il freddo della morte; ma poichè tutto ciò passa, poichè non resta nulla dei più sinceri trasporti, poichè gli amanti finiscono col diventare stranieri l’uno all’altro e incontrarsi senza che più nulla trasalisca del loro cuore nè dei loro sensi, bisogna rinnegare l’amore, bisogna dire l’amore non esiste! Credi a me... credi, credi.

Colle mani strette nelle mani si guardarono in fondo all’anima, misurando le loro disperazioni; la madre violentata per non poter dire di più, la figlia temendo di indovinare troppo.

— Allora — fece Marta, tergendosi la fronte quasi un sudore improvviso l’avesse bagnata — non c’è nulla.

In quel momento si arrestò ascoltando. La stessa sensazione che l’aveva fatta trasalire il giorno prima nella casuccia dei due contadini, si rinnovava. Sentiva le sue viscere commoversi sotto un impulso di persona viva, colla strana rivelazione di un altro essere in se stessa. Sembrava una piccola mano che battesse contro il