Pagina:Neera - L'indomani.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 40 —


e quasi calda della plasticità vigorosa di chi la aveva rivestita. Davanti al letto della piccina, intanto che Marta ne lodava il volto intelligente, la madre sospirò:

— Lei è adesso nella sua luna di miele... le auguro che duri a lungo.

— Oh! sempre — esclamò Marta con vivacità.

Un’espressione di meraviglia passò negli occhi della signora Merelli, che poco dopo soggiunse:

— Almeno non avesse troppi figli... perchè qualcuno ci vuole, ma troppi! Io non ho aspettato neanche un giorno; nove mesi giusti dal dì del mio matrimonio nacque Battistino.

— Davvero? — fece Marta — È egli possibile?

— Come le dico. E ho sofferto tanto quella volta!

Si allontanò dal letto voltando le spalle alla bimba;

— Tre giorni interi coi dolori e poi un male, un male...

Marta ascoltava, terrorizzata, sentendosi un brivido alla superficie della pelle.