Pagina:Neera - L'indomani.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 58 —


convenienze, alle leggi, alla religione, all’onore... Nel primo caso l’uomo furbo lo idealizza. Egli dice alle sue vittime: «Siete la gioia del focolare domestico, le depositarie del nome e dell’avvenire nostro, le regine della nostra casa; siete la pace, siete la sicurezza.» Potrebbe soggiungere: Siete il minor male che noi scegliamo dopo d’aver conosciuti tutti gli altri, siete la panacea delle nostre infermità, il letto di riposo dopo il letto di campo, la sinecura dei nostri vecchi giorni. Per cambio della vostra gioventù, del vostro candore, dell’ideale di tutta la vostra vita, noi che non abbiamo più nè giovinezza, nè candore, nè ideali, vi offriamo una cosa così comune, così facile, una cosa che trovereste sul canto d’ogni via, se noi non ce ne fossimo fatto un esclusivo monopolio, crescendola di valore col negarvene la libertà, sostituendo il decoro, il pudore, la virtù umana alle divine leggi della natura. E fin da bambine, all’età degli zuccherini, vi si fa balenare davanti agli occhi quest’altro zuccherino, ammonendovi «se ve lo meriterete con la docilità, la modestia, la pazienza, l’abnegazione...»