Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 160 —

e di perdono disse: — Iddio sa, Matilde, quanto ti sono amica e come vorrei vederti tranquilla.

Ella la interruppe con immensa collera.

— Tu peggio degli altri! Tu sei una ipocrita, che lavori al coperto, tu aizzi Rodolfo, tu travî mio fratello, tu mi togli l’amore di mia figlia per ornartene e fartene un vanto.

Alle prime parole di questa sfuriata, Daria si era fatta pallida; all’ultima accusa gettò un grido e incapace di frenarsi più a lungo, ruppe in un dirottissimo pianto.

— Mio Dio! Mio Dio! Mio Dio!

Daria non diceva altro, e si stringeva le tempia colle dita, perchè le pareva che la testa scoppiasse.

Era troppo.

Matilde invio!entità continuò a ingiuriarla, trovando uno sfogo impensato, esaltandosi al suono delle proprie parole, e così contraffatta nel viso e nella voce che la si sarebbe presa per una furia. Finalmente vieppiù irritata dal contegno passivo di Daria e da quel pianto insistente, la prese per le spalle e tornò a gridare:

— Va via, va via, va via.

Daria ebbe un momento di rivolta. Le balenò l’idea di gridare anche lei, di ricacciarle in volto tutto il passato, tutto, incominciando dall’a-