Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 159 —


— Ti aspettano al desinare — disse la ragazza, fedele al suo partito preso dalla calma.

— Non ho fame.

Daria esitò un momento; Matilde si era ricacciata colla fronte nei guanciali, decisa a non muoversi.

Ella le si avvicinò, e, accarezzandole blandamente le treccie scomposte:

— Andiamo Matilde. Tuo marito è già a tavola; la Lena chiama la mamma... Ti senti male? Vieni, ti daremo qualche cosa; non istar qui tutta sola abbandonata ai cattivi pensieri.

— Bella pretesa di voler conoscere, se i pensieri degli altri sono buoni o cattivi.

— Tutti abbiamo dei momenti tristi....

— E a mettere insieme i momenti si fanno le ore — esclamò Matilde con impeto irato — poi i giorni e gli anni, e le vite intere. Oh! va, lasciami.

— No, non ti lascio così. Tu soffri, sei afflitta, malcontenta, inquieta...

— Come posso essere allegra e contenta, se tutti fate a gara per seccarmi, per tormentarmi? Sono stanca, stanca, stanca. Vi odio tutti. Va via.

Daria fu presa da un singhiozzo doloroso; il cuore le si schiantava a vedere tanta ingratitudine; pure cedendo a’ suoi nobili impulsi di carità