Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 158 —


— E’ di sopra; forse ripassa gli abitini di Lena.

Rodolfo fece un sogghigno incredulo, ma non aggiunse altro.

La tavola era pronta; la Tatta venne dalla cucina colla zuppiera in mano e colla Lena attaccata alle gonne. Daria le corse incontro, prese la piccina e la pose sul suo piccolo trono davanti al piattino della pappa.

La vecchia girò intorno gli occhi.

— Vado a chiamarla — disse Daria rispondendo a quella muta interrogazione.

E intanto che Rodolfo e la Tatta sedevano al desco, ella volò su per le scale fino all’uscio della camera di Matilde.

La chiamò due o tre volte, invano, premette la molla, l’uscio era aperto, entrò.

Matilde, era seduta nel corsello colla faccia sprofondata in mezzo ai guanciali; aveva i capelli scarmigliati, le vesti in disordine, tutte le apparenze di essersi abbandonata ad uno di quegli eccessi nervosi che in lei erano frequenti.

Sollevò la testa all’udire i passi di Daria e, sgarbatamente, senza frenare l’impulso di una viva contrarietà gridò subito:

— Cosa vieni a fare qui? Va via.