Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 14 —


Il giovine non dimandò chi — aveva compreso; rispose esitando:

— Sì, l’ho veduta; ma perchè me lo domandi? Credi forse...

— Guarda!

Ella tese la mano verso la casa bianca, sulla facciata della quale si era allora spalancata una finestra. Una vociina acuta di giovanetta cantava un’aria d’opera.

— Dimmi il vero — esclamò Daria con uno slancio di semplicità graziosa — tu l’ami?

— No — rispose il giovine risolutamente. — Amo te.

— Questo è inutile, te l’ho detto tante volte. Io sono ancora una ragazza, figurati se voglio pensare a queste cose; e poi siamo cugini... quasi fratelli.

— E poi — disse l’ammalato colpito da un pensiero triste — chi sa se io potrei sposarti!

— Andiamo, adesso, che fai? Quanti discorsi inutili! Se ci sentisse la Tatta!

— Non mi vuoi un po’ di bene?

— Sì, tanto; a te come ai tuoi fratelli; a te forse un po’ più perchè sei buono e... sfortunato.

E appunto perchè ti voglio bene mi dispiace a vederti invischiato con quella smorfiosa...

— Ma non sono invischiato.