Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 15 —


— Lo sei.

— Ti dico di no.

— Giuralo.

— Lo giuro.

Il giovine le tese la mano — una mano scarna, madida di freddo sudore.

— Cile è questo? — esclamò la fanciulla osservando sul dito mignolo di quella mano un anellino di corniola — e vedendo che di giovine taceva, ripetè con doloroso stupore. — E’ egli possibile?... Te lo ha donato lei?...

— Non lo volevo; me lo fece accettare per forza.

Daria si coperse il volto colle mani.

— Vuoi ch’io lo spezzi? Vuoi che lo getti via? Ecco, lo butto nella Regaldina.

Daria gli fermò il braccio.

— No, dallo a me. Sarà questa la prima prova di amore che ti chiedo.

— Piacesse a Dio che non fosse l’ultima!

Le infilò l’anellino sul dito e ristette con compiacenza a mirare l’effetto di quel cerchio sanguigno sulla mano candida della fanciulla; ma ella si ritrasse, pensierosa, e quasi volesse distruggere ogni apparenza volgare in quel pegno di purissimo amore, disse:

— Ho caro che tu m’abbia fatto questo sacri-