Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 183 —


La servetta vedendo l'inutilità delle sue rimostranze e veramente atterrita perchè aveva udito narrare di donne, cui va il parto alla testa e diventano pazze, si allontanò in furia a cercare aiuto.

Ma la camera di Daria era lontana; nella sua confusione ella non aveva preso il lume, urtò parecchie volte negli angoli dei mobili, rovesciò sedie, sbattè usci, finche giunse tutta ansante e scarmigliata a narrare l’accaduto a Daria e allora via di corsa tutte e due con un batticuore, uno sgomento indicibile.

Entrarono da Matilde: la camera era vuota.

Si precipitarono sulla scala: nessuno.

— Matilde, Matilde!

Daria grida a perdifiato. Scende le scale in un baleno, attraversa il salottino e vede un’ombra bianca, che si dirige verso la corte.

— E’ lei! Mio Dio aiutatela.

L’ombra bianca corre in direzione della porta; vi si slancia sopra, tenta aprirla, percuote invano.

— Matilde, fermati!

Ella non ode. Torna indietro costeggiando la sponda della Regaldina. Daria spera di raggiungerla; affretta il passo continuando a chiamarla per nome.