Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
— 36 —

rò non si aspettava una fine così improvvisa. Bisogna proprio dire, che fosse il suo momento.

— E questa povera ragazza?

— La vede? — non fa altro che piangere. Si calmi, via signorina, sua madre è in paradiso, alla fine.

— Sì, è in paradiso — confermò la Tatta, con un accento dove trapelava a sua insaputa la poca fede che aveva in questa consolazione.

— Oh! sono orfana.

Queste parole uscirono finalmente dalle labbra della fanciulla che portò agli occhi una pezzuola di fina batista ornata di trine e tornò a singhiozzare lasciandosi cadere sopra una sedia.

La Tatta era veramente sulle spine; occorreva lì per lì una parola dolce, un atto soave, ma nemmeno a rovesciarsi il cuore sulla mano ella non l’avrebbe trovata. Strinse allora i pugni e se li appoggiò sul fianco. Fu ancora la domestica che parlò:

— Quale notte ci aspetta!

— Appunto. Io sono venuta per prendere questa ragazza...

— Oh! fa un’opera buona; qui non la può reggere.

Il signor Ippolito non vuol muoversi dalla camera — si sa, gli uomini sono meno sensibili.

Le parole: il signor Ippolito: erano state ac-