Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 91 —

il labbro si rifiuta a dire, ma i cuori si intendono sempre.

Egli ebbe uno slancio di infinita tenerezza; avrebbe voluto prenderle la mano e baciarla, la coraggiosa che veniva in aiuto alla sua timidezza. Non fece nulla però. Colla fronte china, in apparenza impassibile domandò:

— Lei sa qualche cosa?

— No; ma credo si tratti di mio cugino e di....

Non pronunciò il nome di Matilde.

— E’ dunque noto a tutti? — chiese Ippolito con vero terrore.

— Al contrario, nessuno lo sospetta. Io stessa non avrei indovinato, se la sua visita a quest’ora insolita e il suo turbamento non mi avessero richiamate alla mente tante piccole circostanze, delle inezie, che sfuggono al momento, ma che poi confrontate con altre illuminano all’improvviso e danno la certezza.

Daria parlava con calma, seriamente, da persona che comprende la gravità del momento e non vuol perdersi in vane esclamazioni; i suoi occhi però, sollevati e aperti in uno sguardo di completa purezza, mostravano come fosse ancora lontana dalla brutta realtà, e Ippolito soffriva crudelmente al pensiero di dovergliela svelare.

Si trovavano al piccolo cancello che, lungo la