Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 la freccia del parto


Costanza pranzò sola con suo cugino Matazzi. S’era fatta promettere da Rizzio ch’egli avrebbe desinato quel giorno con delle costolette fritte e dell’arrosto di montone, perchè quello era appunto il pranzo che ella aveva ordinato e che mangiò di buonissimo appetito, riflettendo ad ogni boccone che Rizzio provava le medesime sensazioni.

Alla sera vide Rizzio per la terza volta, insieme a Puccini ed a Salviati. In mancanza di Olimpia, toccò a lei a fare gli onori di casa. Era lieta, serena, gentile, con una lieve tinta di distrazione, parlava con Puccini e pensava a Rizzio, parlava con Salviati e pensava a Rizzio. (Egli aveva un bel nome, di quelli che piacciono alle donne, ma ognuno lo chiamava Rizzio ed ella pure).