Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 la freccia del parto


«Poichè il fiore del campo dischiuso fin dal mattino, vedendo un altro fiore sorgergli accanto, s’inchina senza mormorare e cade prima di sera.

«Poichè in fondo alla foresta, sotto gli archi di foglie, il legno morto scricchiola sui sentieri; e perchè l’uomo attraversando la natura immortale non ha saputo trovare nessuna scienza che duri, fuorchè quella di andare sempre avanti.

«O musa, che m’importa vivere o morire?

«Amo, e voglio che la mia guancia diventi pallida; amo e voglio soffrire; amo, e per un bacio do il mio ingegno.

«Amo, e voglio sentire sulla mia guancia dimagrata scorrere una fonte che non inaridisca mai.»