Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bugia 235


volmente dare il benservito alla luna di miele. E non v’ha dubbio che su ciò l’ottimo gentiluomo s’ingannava di grosso, poichè dai quindici ai cinquant’anni la luna è sempre l’astro maggiore nel cielo delle donne.

Beatrice non aveva il benchè menomo pensiero di mancar di fede a suo marito; ma Monteviti si faceva strada, se non nel cuore, nella fantasia di lei, esagerando quelle prove di gentilezza e di devozione che servivano a dare maggior risalto all’apparente freddezza del marito, e con quest’arme perfida demoliva giorno per giorno, in segreto, la tenace virtù della contessa.

Dalle vette rigide del dovere l’incauta era già discesa sul pendìo delle