Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

tonino l'eremita 263


La mattina dell’Epifania, Tonino, il maggiore (era stato il figlioccio dell’eremita), levandosi dal saccone che gli serviva di letto, esclamò:

— Che cosa mangeremo oggi, mamma?

— I signori, — saltò su la piccola Luigina — mangiano oggi tante buone cose, e per i figli dei signori la Befana porta tanti bei regali. O non dovrebbe invece portarli a noi che siamo poveri?

— La Befana non sa che siamo poveri — credè ben fatto di rispondere Tonino.