Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

una discrezione 361


Schiuse e serrò le labbra, toccandosele colla punta della lingua, sentendo una fragranza nell’aria.

E sarebbe tornata! Glielo aveva promesso formalmente. A questa visione, alla visione di lei rapparente da lungi sul sentiero scattò. Vedeva già la flessuosa persona, l’ondeggiare della veste bianca, il volto delicato, la splendida chioma e lo sguardo. Il creatore del mondo sapeva lui quello che faceva dando lo sguardo all’occhio umano. L’occhio parla anche quando la bocca tace o non può dir tutto. L’occhio bacia. L’occhio dice ti amo, intanto che la bocca dice buon giorno.

Ma come erano i suoi occhi? Gabriele evocò l’immagine di una stella, di una gemma, di un barbaglio lam-