Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 la freccia del parto


— Ma!! Non ho ancora trovato un mezzo migliore. Sapete quelle belle farfalle che si presentano con smaglianti colori all’occhio avido di novità?...

Costanza capì che egli intendeva parlare di Olimpia.

— Allettano, seducono, ma che senso di tristezza quando non si trova altro che un po’ di polvere sulle loro ali dorate! Ignoro se tutti gli uomini sieno come me. Io mi sento trascinato potentemente verso un ideale sublime, e tutti i giorni calpesto un fantasma che mi era sembrato l’ideale: mi ubbriaco e ho sempre sete: afferro cento farfalle e non trovo mai Psiche!

— Mai?

— Una volta sola fui amato.

— Basta una volta nella vita.