Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 gli occhiali


— Oh!!

— Voi!!

Certo nessuno dei due alzandosi quel mattino avrebbe immaginato di dover mettere fra i casi della giornata il singolare incontro. D’ambo le parti la sorpresa fu tanto schietta quanto piacevole; se lo dissero subito prima cogli occhi, poi con una stretta di mano lunga, cordiale....

Fu la signora che ritraendo la manina ed arrossendo un poco colla grazia che alcune donne conservano anche quando non sono più giovani mormorò piano:

— Da quanto tempo non ci vediamo più!

— Da quanto!

L’istante di silenzio che seguì fu impiegato da ognuno dei due a un breve calcolo mentale. Il signore disse:

— Ma vi ritrovo la stessa.

— Oh! prego....

— Sì sì, vi assicuro, la stessa, — soggiunse con accento commosso, — almeno per me.

— Sempre galante.

— Dite fedele.

— Questo mi sembra un po’ troppo, via!

— Secondo ciò che si intende per fedeltà. Credete che....

— Ma anche voi state benissimo, — inter-