Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

uno scandalo 115


a cavalcioni della faccia giallognola rammentava lontanamente Pietro Arbuez, il terribile inquisitore. Della stessa famiglia appariva la maestra, irritatissima perchè lo scandalo era avvenuto nella sua classe. Più mansueto e bonaccione si mostrava don Celso, il catechista, il quale riusciva persino a sorridere di tanto in tanto mentre coll’occhio mite di linfatico percorreva le linee sottili del corpo del delitto.

— Non c’è che dire. Sembra una lettera portata fuori tale e quale dal "Segretario galante". E la fanciulla è?...

— Varisco. Emma Varisco, di quinta.

— Quella brunetta che sembra una zingarella?

— Non ho mai visto zingari, — disse la maestra con piglio sdegnoso, — ma è ben degna di somigliare a simili banditi una che si permette tali cose; nell’aula della scuola! alla mia presenza!

— Che direbbero mai le "Orsoline" se lo sapessero! — esclamò la direttrice giungendo le mani quasi a scongiurare il pericolo. — Esse che accusano il mio educandato di mancanza di religione! Sarebbe un discredito senza esempi.

— Non lo deve sapere nessuno, — consigliò