Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 uno scandalo


il catechista, — pur che le condiscepole non se ne sieno accorte.

— Lo sanno! Lo sanno! — gemette la maestra. — È questo lo scandalo. Quella Luzzani maliziosa come Lucifero l’ha letta certamente o tutta o in parte e riferita alle compagne.

Don Celso tornò a guardare il foglietto che aveva in mano. "Mio adorato Gustavo! Da quel giorno che ti ho veduto bello come un angelo e fiero come un soldato".

— Non ha l’antitesi molto felice, Varisco.

— È una scribacchiona, — interruppe la maestra, — lascia scappare dalla penna tutto ciò che le passa per quella testa sventata, senz’ordine, senza stile.

— E chi sarà Gustavo? — osservò la direttrice. — È necessario saperlo.

— Probabilmente qualche cuginetto, — soggiunse don Celso con intenzione di attenuare la colpa. — Bisognerebbe interrogare la ragazza. Alcune frasi della lettera inducono a credere che legge romanzi. "l’ebbrezza che provo pensando a te...." Ah! benedetta gioventù!

— E come fanno a leggere romanzi, domando io, colla sorveglianza, colla severità della nostra disciplina!! Chiamatela, chiamatela subito.

· · · · · · · · · · · · ·