Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/230

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224 decadi


me mio padre. E la catena, spero, continuerà nei secoli.

Un’ombra dolorosa offusca gli occhi di Giulio Sorisi. Appoggiandosi colle mani al tavolino si alza e muove alcuni passi incerti. Accorre il cameriere ossequioso:

— Forse si sente male il signore, che parte così presto? (La pallidezza apparsa improvvisamente sulle guancie dell’avventore giustifica la domanda del cameriere).

— No.... — balbetta Giulio Sorisi raddrizzandosi con uno sforzo eroico, — ho.... ho.... un appuntamento.

E si allontana, rigido, nella notte.