Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/304

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
298 piccole virtù a spasso


— Pure ci hanno detto che alcuni padroni vanno in cerca di servitori zelanti, devoti, di serve fedeli e affezionate. Noi ci prestiamo per poco....

— Ci mancherebbe altro! Via, via, via, spulezzate coi vostri discorsi di miseria.

Altre voci si aggiunsero pronte:

— Ma sì, mandiamoli via questi pianeti della cattiva fortuna che stanno qui a stregare il tempo.

— Via, via!

— Al loro paese!

— Vadano a strigliare i loro padroni!

— A....

— A....

Facevano a chi le spiattellava più grosse. E ridevano! E colle sciarpe, coi fazzoletti, coi grembiali si posero a dare delle cenciate ai tre malcapitati che allocchiti e pesti si allontanarono in silenzio giù per via Torino.

Imbruniva. Un forte vento di tramontana aveva addensato nuvole e polvere sulla città e i passeggeri affrettavano il passo verso le loro dimore spopolando le vie.

— Dove anderemo mai a finire!? — esclamò Affezione con un certo orgasmo.

— Dio ci proteggerà, — rispose Sottomissione.