Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/305

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

piccole virtù a spasso 299


Il piccolo e gramo Disinteresse trascinando le gambuccie concluse con un accento che pareva quasi ilare:

— Se riesco a mettervi a posto voi due, per me non ci penso.

— E se ci rivolgessimo direttamente ai signori? — propose Affezione.

Veniva alla lor volta una dama vestita di velluto, con due immensi ciottoloni lucenti alle orecchie che a vederli a quel posto bisognava chiamarli brillanti e che fecero restare a bocca aperta i tre villici.

La dama si accorse dell’impressione prodotta e sorrise; quel sorriso diede coraggio ad Affezione:

— Signora, non per comandarle, ma di grazia, vorrei dirle una parola.

Una mano inguantata corse alla ricerca del borsellino.

— Signora, signora, — continuò l’altra ansiosamente, — non le occorre una donna di servizio? o due? o un servitorello?

— E che altro ancora? — fece la dama squadrando con diffidenza gli sconosciuti, — rappresentate forse un’agenzia di collocamento?

— Noi siamo appena arrivati a Milano, non conosciamo nessuno e vorremmo entrare a servizio in una buona casa.