Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

viaggio di istruzione 33


telli da cinquecento lire nè profumi rari. Si interessano ben essi all’opera letteraria dei confratelli.

— Ah! caro signore, gli serittori non leggono che sè stessi. È il magro compenso che loro resta.

Filarete ammutolì. Inchiodato sulla sedia, in mezzo alle piramidi di libri che coprivano le pareti egli ne leggeva macchinalmente i titoli come si leggono in un cimitero le epigrafi delle lapidi. Tutti morti — pensava — eppure qualcuno deve pur vendersi poichè il libraio vive.

Quasi gli avesse divinato il pensiero, l’editore — libraio prese l’iniziativa di altre spiegazioni e pigliando dallo scaffale or l’uno or l’altro volume venne commentando:

— Ogni tanto capita un successo. Questo per esempio: "Mémoires d’une femme de chambre". Non una delle mie clienti se ne è privata perchè le due copie circolanti del gabinetto di lettura non bastavano a soddisfare la curiosità di tutte.

— Anche "Quo Vadis" ha avuto a suo tempo un bel successo però.

— Sì, anche quello. Vede, o preti o.... Ci vogliono questi due argomenti per far fortuna.