Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il convegno dei sette peccati 79


Una ferrea porta ingraticciata li divide dal resto degli uomini.... Ma io penetro, io, il peccato universale!

Un brivido corse nell’assemblea fatta muta e tremante.

— E coloro che si chiamano figli delle Muse, questi esseri ideali che si pascono di poesia e di fantasie leggiadre, grandissimi talvolta, talvolta assurgenti alle più alte questioni che preoccupano l’umanità, aquile librate sopra le miserie terrene, vedeteli, vedeteli questi superuomini, pallidi in volto del mio pallore, denigrarsi a vicenda e colpirsi alle spalle con zanne di tigre. Quale grandezza io rispetto? Quale sentimento mi arresta? Quale tradizione mi unisce a’ miei simili? Io rinnego tutto e tutti.

Le sei sorelle si strinsero insieme intorno al trono con un movimento pauroso, tanto era bieco l’occhio unico di Invidia e l’altro, l’occhio di vetro, mandava riflessi gelidi di morte.

— Ah! voi vi amate? — rauca e cavernosa era la voce di Invidia, scosse le membra da un tremito febbrile, mentre soffiava in volto alle sorelle l’alito impuro. — Voi credete ancora ai vincoli del sangue? Guardatemi, prostratevi dinanzi a me, riconoscetemi per vostra regina. Io vi odio!