Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La mia vicina. 119

siasmo, mi si rallentavano i palpiti del cuore, un gruppo di singulti repressi mi stringeva la gola.

Tenevo ancora in mano i bottoni; li guardavo, li voltavo, li rivoltavo. Ella continuava a cucire e il silenzio era così perfetto che udii il ritornello del piccolo gobbo:

Ah! dillo se m’ami...

— Vicina!... — mormorai con accento supplichevole.

— Signore? — fece ella sollevando un istante i suoi begli occhi un po’ severi.

— Ella è molto crudele oggi con me.

— Ha il confronto di molti anni per poterlo dire?

Con questa osservazione fina e pungente volle rammentarmi che la conoscevo da ieri.

Sì, da ieri — ma quanta strada ella aveva già percorso nel mio cuore! — ed è il cuore che partorisce gli affetti, non il tempo.

— Signora — ripresi — ella che ha tanta umanità per le sofferenze fisiche non ne avrà affatto per i mali dell’anima... anche se quest’anima le è sconosciuta?

— Se parla per suo conto trovo ben singolare lo sfogo. Non vi è un'altra persona che ha tutto il diritto e tutto il dovere di consolarla?

— Comprendo; vuole alludere al mio matrimonio; ma è un matrimonio che non si farà nè ora nè mai.

È impossibile ch’io descriva a parole il lampo che balenò negli occhi della mia vicina. Come in una buia notte quel lampo mi rischiarò il cammino che dovevo percorrere.