Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


COME LA MIA ANIMA FU PERDUTA

ALLA GRAZIA.


storia un po’ lunga.


(Chi la narra è un giovanotto sui trent’anni molto simpatico, abbastanza spiritoso, elegante quanto è necessario per piacere a una donna di buon gusto senza dispiacere a una donna di buon senso; il suo nome è Torquato Gallieri degli Omodei; il suo stile è il seguente.)


Tal quale mi vedete, membro del turf e dello steeple-chase, socio di molti clubs, abbonato al Libero Pensiero, con un piede nell’aristocrazia e l’altro nella democrazia (il primo in onore delle belle damine che adoro, il secondo per i miei amici che rispetto), irrequieto sempre, avido di emozioni e di piaceri; un’anima dannata infine; ebbene, tal quale mi vedete, io crebbi fra due abati, una beghina e un confratello della pia associazione del Buon Pastore.

Il Canavese, piccola provincia che si stende da Ivrea a Candia, ebbe l’onore di darmi i natali: che questo fosse proprio un onore per il Canavese me lo ripetevano continuamente servi e vassalli del mio castello paterno. La boria e l’ignoranza, tenere sorelle, sedet-