Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Beniamino. 241


Bisognava vederlo, quanti lazzi sapeva inventare! quante canzoni!

Naturalmente dovette smettere di uscire la sera, perchè la sua presenza in casa era quasi indispensabile; così vide scemarsi una fonte di piccolo, ma sicuro guadagno.

Roberto aveva scritto a suo padre, partecipandogli la nascita dell’erede, ma il fiero salumaio non si era degnato di rispondergli.

— Appena posso reggermi in piedi, diceva Valentina singhiozzando, andrò io a chiedere misericordia da quei tuoi barbari genitori.

— Tu non lo farai, Valentina, no, piuttosto la morte.

— Io sono la cagione del loro odio, a me spetta placarli.

— No, cuor mio, tu sei una vittima innocente del mio amore che ti ha travolta in una miserabile esistenza. Sono un disgraziato; non posso nemmeno dare del pane alla mia famiglia.

Quando Roberto si abbandonava così alla disperazione, Valentina asciugava prontamente le lagrime, tentava sorridere e lo accarezzava, facendogli coraggio.

— Abbi pazienza, vedrai, i tempi cambieranno, non la può durare sempre a questo modo!

E Beniamino rimestando con un cucchiaio di legno la pappa del bimbo, mormorava tra sè:

— Certo, così non la può durare!

     Neera, Novelle gaje. 16