Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 Novelle gaje.


Beniamino preparò il suo fazzoletto giallo, e rispose malinconicamente:

— Sono giovani sposi, poverini!

La mpglie del salumaio, che si interessava naturalmente agli affari dei suoi avventori, soggiunge:

— Lo dite in un certo modo, come se Tessere giovani e sposi fosse una disgrazia.

— Eh! la è pur troppo, quando mancano i mezzi per la nascente famiglia, quando non si ha nè un amico, nè un parente...

— Ecco il burro — interruppe il salumaio.

Beniamino prese il burro e sporgendo il pargoletto attraverso il banco, gli disse:

— Fa un bacio alla signora!

L’autenticità di quel bacio può restar dubbia, ma è però vero che la faccia rugosa della matrona fu sfiorata dalle fresche guancie delicate — e che ella sorrise per la seconda volta.

Beniamino se non avesse tenuto con un braccio il fanciullo e coll’altro il burro, si sarebbe data un’allegra fregatina di mani.

Nei giorni seguenti le visite si rinnovarono.

L’austera salumaia, vinta dalle grazie innocenti del bambinello che forse le rammentavano i suoi begli anni andati, trovò per lui un palpito di tenerezza. Si abituò a vederlo, a vezzeggiarlo, a preparargli, sotto al grembiale, la sorpresa di un bel pasticcino caldo. Senza saperlo prendeva possesso delle sue preroga-