Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DON ESTEBAN.



Un morello arabo puro sangue, testa piccola, grandi occhi, gambe nervose, usciva in una bella sera di maggio dalla Puerta de Alcalà e lasciandosi addietro i giardini madrileni galoppava, galoppava, verso le campagne profumate d’aranci, al lume della luna.

Il cavaliere che gli stringeva con maschia energia il ventre sottile e rilucente, e cogli sproni d’oro gli vellicava la pelle delicata, era certo un gentiluomo; e l’ampio mantello, agitato dal vento, gli dava l’aspetto fantastico di nave in burrasca.

Portava un cappello di feltro a larghe tese, la mano destra inguantata era ferma alle redini e la sinistra celata sotto il mantello (dove quando l’aria mossa dalla rapida corsa cedeva un istante, si disegnavano gl’incerti contorni di un oggetto nascosto.)