Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/308

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
298 Novelle gaje.


La cameriera della Croce Bianca, losca e colla feccia coperta di lenticchie, raccontò a Piedolce che il giovinetto scomparso era proprio l’angelo Gabriele mandato per convertire quel discolaccio del signor Patrizio, che non vi era riuscito, e che d’ora in avanti essa aveva paura a dormir sola la notte, temendo l’albergo abitato dal diavolo.

Patrizio non si curava menomamente delle variazioni che succedevano intorno a lui. Non era occupato che da un solo desiderio: ritrovare Gildo.

Una sera, passeggiando in un viale remoto fuori della città, vide correre lesta lesta davanti a sè una figura femminile che egli poteva affermare sulla sua coscienza di non avere mai vista in Pavia.

Era piccola, sottile, vestita di nero e sotto il vela le svolazzavano brevi ciocche di capelli castagni.

A Patrizio balzò subito il cuore; e poichè nemmeno un’anima si vedeva nelle campagne e lui, Patrizio, era poco disposto alla pazienza dopo tanta che aveva dovuto trangugiarne a suo mal costo, le si gettò in ginocchio, abbracciandola, stringendosela sui cuore e mormorando ancora su quella pallida guancia, al posto del primo bacio:

— Non mi fuggirai più... dovessi morire!

O Dio, sì anche lei lo baciò perchè sentiva di essere amata ed era fiera e felice della sua vittoria.

Anime innamorate che passate da quel viale, sciogliete un voto alla conversione di Patrizio — e se