Pagina:Neera - Un romanzo, Brigola, Milano, 1877.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 24 —


delicate. La tranquillità non era in lei — ma Giulia non avrebbe saputo il perchè delle tante emozioni che l’agitavano — le distingueva forse? — le comprendeva? — sapeva ella discernere i fremiti del sangue e quelli del pensiero?

— No — tutto era nebbia e vapore nel suo essere morale — piccolo mondo non ancora uscito dal caos — aurora che si dibatte colle ultime tenebre.

Ella era felice, divinamente felice.

Pienamente? — No.

Il suo tenero cuore tremava come un uccelletto spaventato che s’aquatta e presentisce la procella.

Ella era felice, ma aveva paura della sua felicità.

— Un uomo, jeri sera, s’è gettato dal Duomo; disse Olimpio nel ricevere il caffè dalle mani del tutore.

— Poveretto! fece Giulia.

— Si sa il motivo? domandò il tutore.

— Si suppone amore — aveva ventotto anni.

— Amore! mormorò la fanciulla — e la poesia di una passione incompresa ombreggiava già di tristezza il suo volto.

— O debiti: soggiunge Olimpio. Sorrise, accese un sigaro, e disse ch’era tempo di partire.

Giulia volò nella sua cameretta — per l’ultima volta — ma non vi pensò in quel momento.

La cameriera le mise in testa un cappellino con una