Pagina:Neera - Vecchie catene, Milano, Brigola, 1878.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 144 —

Enrico, andiamo a cercare le belle ghirlandine, che mostrerai al tuo amico Alessio.

Luigi fece uno sforzo supremo per dire:

— Alessio non verrà oggi.

— Oh!

— Nè mai.

L’ultima sillaba uscì come un rantolo dalle sue fauci — era pallido come un morto — si sentiva venir meno. La sua mano errante sulla panchina strinse febbrilmente la mano di Diana, che gli si fece accanto e lo guardò... Dall’urto di quelle pupille scaturì un raggio di luce.

— Ho compreso tutto — gridò ella colpita dalla profonda impressione di quello sguardo — tu sei geloso!

Sciogliersi in lagrime come un fanciullo fu la risposta di Luigi.

Diana lo circondò colle sue braccia, ed egli si lasciò cadere lentamente fino a nascondere il viso sui di lei ginocchi — il cuore del povero giovine si fondeva nella tenerezza dell’amplesso — le sue mani allacciate intorno alla vita di Diana ne sentivano fremere i delicati contorni, e la ebbrezza dei muscoli sposandosi all’intima voluttà del sentimento li rendeva silenziosi, tremanti.

Oh! chi può dire come palpitavano i loro petti congiunti — quante confidenze si ricambiarono nel muto linguaggio dei loro sguardi!