Pagina:Negri - Orazioni, Treves, Milano, 1918.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Alessandrina Ravizza 41


bel giorno, in scatola o all’ospedale.

Anche i grandi, però. Anche i vecchi. Anche quelli macchiati di sangue. Tutti, con il fascio delle loro colpe, non più gravi, forse, dei loro dolori: con il marchio dei proprî delitti, non più orribile, forse, di quello delle ingiustizie che, sin dall’infanzia e già prima di nascere, hanno dovuto subire.

E senza sermone. Già. Lo Schisc disprezzava incommensurabilmente le prediche moraliste. «Hin tucc cialâd»1, diceva. Egli l’aveva udita, la voce del miracolo. Sapeva la sua dolcezza.

O Madre!...

Nella cella di segregazione d’una

  1. Sono tutte sciocchezze.