Pagina:Nicarete ovvero La festa degli Alòi.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 8 -

neschi o delle epistole alcifronee, c’è da scommettere un contro cento, ch’essi accuserebbero Luciano ed Alcifrone e Demostene e Menandro di anacronismo e di offesa al colore locale, e di aver cucinato in salsa greca persone e fatti della odierna società.

Per convincere questi signori che il menage antico dei nostri nonni di Atene, quel di Tucrito compreso (il cui nome e quello di Nicarete e del primo marito suo ricorrono nell’aringa demostenica contro Eubulide), differiva dal nostro assai meno di quel che essi si imaginino, avrei dovuto lardellare anche Nicarete di note e noticine ad ogni riga... a che pro? Mi basta la fatica spesa intorno alla Sposa di Menecle: e alle note che accompagnano quella, e all’altro mio scritto sulle Pene degli adulterj in Atene1 rimando i curiosi che ne avessero voglia.

A lei, signora Emma, questo supplizio lo risparmio: perchè io sono feroce meno assai del mio maestro e collega Ruggero Bonghi, e il mio animo mite inorridisce a quella sua efferatissima alzata di ingegno, dello infliggere a signore belle, gentili e di complessione delicata, in lettere dedicatorie coi testi greci annessi, la ermeneutica dei dialoghi di Platone.

Mi saluti Franz, il mio Tucrito ideale, e mi abbia

suo dev. aff.
Felice Cavallotti.




  1. Mie opere complete, vol. VI.